giovedì 23 Settembre 2021
Home Tags Criminalità organizzata

Tag: criminalità organizzata

FC Sheriff Tiraspol, la sfidante dell’Inter nata dal KGB e cresciuta...

Il Football Club Sheriff Tiraspol è la prima squadra moldava (che tuttavia non si reputa tale) ad accedere ai gironi di Champions, dove affronterà l'Inter. Van Westerhout e Strada vi raccontano la storia di questo club fondato da due ex agenti del KGB e oggi fiore all'occhiello della Transnistria, uno stato dichiaratosi indipendente nel 1990 e da allora cresciuto a pane e traffico d'armi.

Se anche i giornalisti smettono di scrivere

"Se non si avverte come scandalosa la condizione di esposizione e insieme abbandono in cui troppi giornalisti ancora oggi lavorano in ogni parte del mondo, significa che forse si è perso il contatto con la realtà, con ciò che è giusto fare e con ciò che è doveroso proteggere. Tutelare i giornalisti significa tutelare noi stessi e il nostro futuro: non facciamoli smettere di scrivere." @Tomas Strada di #ThePitch_Risiko ci spiega perché i giornalisti sono le figura più esposte e a rischio tra coloro che quotidianamente indagano e raccontano le pratiche criminali.

Scoordinazione, il “forum shopping” delle mafie

Fluidità contro rigidità, assenza di frontiere contro confini nazionali, collaborazione criminale contro scoordinazione internazionale: è questa costante dicotomia che favorisce il prosperare delle mafie. Tomas Strada di ThePitch_Risiko ci parla di scoordinazione forum shopping, l'ultimo ma non meno incisivo di quelli che definisce i "sei peccati capitali nella lotta alle mafie".

I possibili regali del Coronavirus alle mafie

Normalità o emergenza, non fa differenza: le mafie cambiano in base al contesto, adattandosi ad esso per poter continuare a sfruttarlo. Mutatis mutandis, l'obiettivo mafioso rimane sempre quello. Anche, e soprattutto, in tempo di Coronavirus. Sarebbe pertanto cosa buona e giusta interrogarsi su quelle che sono le opportunità che l'attuale pandemia potrebbe offrire alle organizzazioni criminali di tutto il mondo.

Alienazione: quando la mafia non è mai ‘cosa nostra’

Esternalizzare un problema significa pensare che questo non possa interessarci perché circoscritto a realtà lontane e diverse dalla nostra. L'attuale quarantena ci sta tuttavia insegnando che nessuno può ritenersi immune a prescindere da un virus, e quello rappresentato dalle mafie non fa eccezione.

Negazione: Quando la mafia non esiste

"La più grande astuzia del Diavolo è farci credere che non esiste". Come il Diavolo di Baudelaire anche le mafie si adoperano, quasi ossessivamente, affinché non ne si riconosca l’esistenza, che non se ne parli affatto, così da tenere il più lontano possibile le luci dei riflettori: la mafia non esiste, non può e non deve farlo.

I sei peccati capitali nella lotta alle mafie

I sei peccati capitali nella lotta alle mafie hanno plasmato uno scenario dai tratti paradisiaci per le attività ed i conti correnti delle mafie. Tuttavia vi è ancora modo di recuperare ed imparare dagli sbagli commessi: ‘Se un errore non è un trampolino di lancio, è un errore’, ha scritto il grande Eli Siegel. A questo punto, tuffiamoci.

Il camaleonte adattivo

È forse proprio questa adattabilità, questa insuperabile, maliziosa furbizia che le contraddistingue, a rappresentare il volto più spaventoso delle élite criminali mafiose. Il perché risiede nella natura trasversale di questa capacità di adattamento, che permette loro di arrangiarsi in ognuno dei contesti analizzati negli appuntamenti precedenti di questa rubrica: le mafie sono animali glocali, parassiti statali e capitaliste selvagge, precisamente perché hanno saputo adattarsi alle nuove realtà geografiche, politiche ed economiche come veri e propri camaleonti.

Il capitalista selvaggio

Analizzate prima come animali glocali e poi come parassiti statali, oggi parleremo di un nuovo volto delle mafie globali, quello che ho voluto definire ‘capitalista selvaggio’. Grazie agli enormi capitali derivanti dai loro traffici illeciti e alla possibilità di annullare la concorrenza mediante comportamenti criminali più o meno violenti, le mafie si sono imposte all’interno dell’economia di mercato generando per decenni profitti stellari. Insieme alle grandi corporazioni internazionali infatti, sono proprio le organizzazioni mafiose ad aver guadagnato di più dall’applicazione globale del modello capitalista, diventandone le campionesse indiscusse.

Il parassita statale

Le mafie non ricercano lo scontro con lo stato bensì agiscono come una sorta di duplicato della realtà che aggrediscono. Comportandosi come uno 'stato parallelo' non si pongono in contrapposizione a quello ufficiale, ma preferiscono vivere sulle spalle di quest'ultimo nutrendosi delle sue risorse. Tale particolare forma di sfruttamento fa della criminalità organizzata di tipo mafioso, transnazionale e non, un parassita statale a tutti gli effetti.

POPOLARI

I PIÙ LETTI